IX EDIZIONE LAND ART AL FURLO: NERO

Chiamata aperta per gli artisti
IX EDIZIONE LAND ART AL FURLO
NERO

La Casa degli Artisti presenta la IX edizione della LAND ART AL FURLO che si svolgerà dal 25 agosto al 23 settembre 2018 presso il Parco-Museo di Sant’Anna del Furlo, comune di Fossombrone, nella provincia di Pesaro-Urbino, Marche – Italia.

Chiusura ricezione progetti: 30 aprile 2018

I nomi degli artisti invitati saranno pubblicati su Facebook il 13 maggio e annunciati alla vernice di “Volta e Rivolta”, nella stessa data, dal curatore artistico, Andrea Baffoni.

Il Tema 2018: NERO
Il tema della nona edizione della Land Art al Furlo è NERO: il tema vuole essere solo un suggerimento, una suggestione, non certo un dictat.

NERO è da intendere nelle tante accezioni del termine: richiamo ad un colore non-colore ricco di componenti simboliche la cui presenza in natura non sempre è ben classificabile.

Nero è il sangue della terra, quel petrolio che ha caratterizzato in positivo e in negativo la storia del Novecento; è l’inizio del tempo, quando ancora la luce delle stelle non brillava, ma nella cui sostanza era già presente il Big bang; è il richiamo a grandi artisti del passato come Goya, Malevič, Burri, Fontana; è il lato oscuro della Luna, dove si nascondono le paure dell’uomo.

Sono suggestioni, concetti filosofici, entità fisiche, ma è anche il riferimento a una storia recente che vorremmo non tornasse più. Testimoni, nostro malgrado, di una quotidiana “cronaca” che inaspettatamente ci catapulta nel passato. Nell’eterna battaglia tra bene e male il nero esiste perché il suo opposto possa splendere e oggi, più che mai, è anche la paura del diverso, esplicato nel colore della pelle ed esorcizzato nelle giustificazioni di una società incapace di convivere. Il nero, come si sa, è anche il colore della Signora Morte così angoscioso e cimiteriale, alle nostre latitudini, ma se si riesce a declinarlo in chiave grottesca, satirica, può anche far nascere un sorriso. Su questo colore e tema della IX Land Art al Furlo, si aprono numerosi scenari artistici, rispetto ai quali la creatività può spaziare ed esprimere al meglio la propria visione del mondo, in chiave materica, fisica e metafisica, lasciando a tutti la possibilità di sentirsi parte di una dimensione impalpabile e sconfinata.

Come partecipare
A tutti gli artisti, non ci sono limiti di età, che desiderano partecipare si richiede di inviare un loro progetto, un’idea di realizzazione, mediante una presentazione in pdf (grafica, fotografica…). Questo materiale sarà vagliato da una Commissione selezionatrice, composta dal curatore Andrea Baffoni (Storico dell’arte), coadiuvato dai fondatori della Casa degli Artisti, Andreina De Tomassi, Antonio Sorace, e dal vicepresidente e docente urbinate Elvio Moretti.

L’invio deve essere effettuato entro il 30 aprile 2018, a tutte le seguenti mail: casartisti@gmail.com /andrea.ba76@gmail.com /andreinade.tomassi@alice.it/ antonio.sorace@libero.it / elvio.moretti@uniurb.it

Il progetto deve essere accompagnato dalla scheda, firmata, allegata al presente bando, da una breve biografia in word o pdf (no jpeg), da una foto dell’artista o da un’opera completa di didascalia.

Il 13 maggio 2018 verranno resi noti i nomi dei partecipanti.

Tutte le opere, preferibilmente scultoree, possono essere realizzate con materiali scelti dall’artista, (alla Casa degli Artisti sono a disposizione dei tronchi); devono avere una sicurezza progettuale, uno studio di effettiva stabilità. Con l’ovvia sottolineatura che, essendo opere sotto il cielo, dovranno resistere alle intemperie. Sono accettate anche performance ispirate al tema, opere video, non si escludono contributi sonori e teatrali. Le opere prescelte rimarranno nel Parco-Museo e andranno ad aumentare la collezione (più di 100 opere) sempre visibile, a ingresso libero.

La partecipazione è gratuita, così come la residenza, per chi proviene da fuori regione. A tutti i partecipanti è richiesta la previa iscrizione 2018 all’Associazione Culturale La Casa degli Artisti (€10) per la copertura assicurativa, mentre ai residenti è richiesta un’ulteriore quota minima (€10) per le pulizie. Inoltre, è necessario portare lenzuola e asciugamani. Infine, la Casa degli Artisti chiede di condividere lo spirito associativo contribuendo fattivamente ai pasti collettivi. A chi viene per la prima volta si suggerisce, già a partire dal 13 maggio, un sopralluogo per conoscere il Parco e individuare il posto dell’installazione.

La Casa degli Artisti, Residenza creativa, è un’associazione culturale di tipo filantropico, inserita nello SPAC (Sistema Provinciale dell’Arte Contemporanea), riconosciuta dalla Regione Marche e dal Comune di Fossombrone. I due conduttori-mecenati, Andreina De Tomassi (giornalista) e Antonio Sorace (scultore) mettono a disposizione le loro abitazioni, (una era la casa dell’Ingegnere, l’altra era una grande casa operaia, entrambe del 1919) e cinque ettari di Parco naturale inserito nella Riserva Statale Gola del Furlo. Provenienti da una cultura sessantottina, indifferenti al potere e al sistema chiuso dell’arte, credono che la Bellezza sia un Bene Comune. Per Andreina e Antonio, che hanno lasciato Roma, l’Arte è curiosità, condivisione, stupore. E’ una freccia, una infinita domanda di senso. Accogliere gli artisti (scultori, performer, videoartisti, pittori, fotografi, ceramisti, calligrafi, musicisti, attori, ecc..) non vuol dire solo offrire una vetrina, ma permettere agli ospiti di conoscere un luogo struggente come la Gola del Furlo e consigliare visite nei dintorni del Montefeltro con le sue memorie mezzadrili, le rocche fortificate e aprire il sipario su un Paesaggio emozionante.

SCARICA IL BANDO

SCARICA LA SCHEDA DI PARTECIPAZIONE

 

INFO
Casa degli Artisti
Sant’Anna del Furlo, 30 – 61034 – Fossombrone (PU)
www.landartalfurlo.it
Pagina FB – Gruppo: “Casa degli Artisti di Sant’Anna del Furlo”

Segreteria
Sara Barcelli: casartisti@gmail.com
Andreina De Tomassi: 342. 3738966;

Ufficio Stampa
Melasecca PressOffice
Roberta Melasecca
3494945612
roberta.melasecca@gmail.com
www.melaseccapressoffice.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *